MAD in Italy: i folli che restano fanno grande l’Italia

Potrebbero interessarti anche...

11 Risposte

  1. Claudio Papitto ha detto:

    Ciao .
    Mi sento proprio di commentarlo , questo post …
    La fiducia nelle possibilità imprenditoriali italiane forse ancora non è mai esistita , dato che in tutti i blogs che ho letto ultimamente ( riguardanti i business all’italiana ) c’è abbastanza aria di malcontento …
    I motivi sono sempre quelli : pigrizia , disinformazione , mentalità all’antica e “furberie” dell’ultima ora .

    Però dall’altra parte ho visto con i miei occhi che effettivamente esistono alcuni “geni” che con le loro idee stanno portanto tante ventate di novità nel Marketing , principalmente nella costruzione di un Brand o nelle varie tecniche innovative di fare pubblicità .

    Io penso che , fino a che questi lucidi folli esistono , non si potrà mai affermare che in Italia non c’è nessuna speranza di “uscirne fuori” .

    E poi … oggi la palla è al centro e chi deve dargli un calcio siamo solo noi giovani .
    Un mio amico me lo dice sempre : “Se vuoi dire qualcosa , sporcati le mani , non esitare ” .

    • madinitalytweet ha detto:

      Ciao Claudio,
      rispondentoti cogliamo l’occasione per ringraziare Kakakumi che ci ospita. Con il tuo commento hai centrato in pieno lo spirito del nostro progetto, quello cioè di raccontare chi in Italia si rimbocca le maniche tutti i giorni per creare realtà di valore che da l’Italia guardino l’esterno senza timori riverenziali.

      Ci piacerebbe che anche tu raccontassi la tua storia e il tuo punto di vista nella sezione mad curricula del sito http://www.progettomadinitaly.it. Il tuo sentimento, scoprirai, è condiviso da molti.

      A presto e grazie mille

  2. Francesco ha detto:

    Credere nel cambiamento. La follia è di chi resta.

  3. Aliensara ha detto:

    Questo progetto non è la solita celebrazione dei prodotti Made in Italy, concetto visto e rivisto ma che difende la nostra economia solo sui beni di lusso! e così mentre tutti i miei compagni universitari emigrano o sognano di farlo, MAD in Italy mi dice che la vera forza di noi italiani sono le idee e non i componenti materiali dei prodotti; la nostra capacità di sognare e di lottare per realizzarla in un paese che non ti aiuta per niente! Se questa è follia sono contenta di essere matta!

  4. Mad in Italy! ha detto:

    Ciao nuovamente a tutti,
    speriamo di poter contracambiare presto ospitando Kawakumi sul nostro blog. Intanto anticipiamo che presto sarà inserito nella sezione Mad Links che potete trovare nella home page di http://www.progettomadinitaly.it.

    Ricordiamo a tutti i tuoi lettori che Mad in Italy! si pone l’obiettivo di raccontare le storie delle aziende italiane ma anche dei professionisti, dei ricercatore e degli studenti. Se anche voi vi sentite Mad potresti inserire un vostro Mad Curricula in questa sezione http://madinitaly.mettiamocilatesta.it/mad-curricula.

    A presto!

  1. 24 Nov 2010

    […] This post was mentioned on Twitter by Davide Basile, Claudio Vaccaro, madinitalytweet, fabiosecci, Bianca Ferrari and others. Bianca Ferrari said: RT @chinaski_83: RT @kawakumi MAD in Italy: i folli che restano fanno grande l'Italia | kawakumi.com http://bit.ly/hJpcsL […]

  2. 24 Nov 2010

    MAD in Italy: i folli che restano fanno grande l’Italia | kawakumi.com…

    Mad in Italy! è la nuova avventura web di Mettiamocilatesta.it, tesa a valorizzare le idee imprenditoriali di successo realizzate in Italia da imprenditori italiani. Mad in Italy! è un progetto che intende valorizzare le idee imprenditoriali di success…

  3. 27 Nov 2010

    […] I FOLLI CHE RESTANO FANNO GRANDE L’ITALIA . […]

  4. 29 Nov 2010

    […] l’altro giorno scrivevo di MAD in Italy!, dicendo che “i folli che restano fanno grande l’Italia”. Oggi aggiungo un […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *