Social Killer: il primo romanzo multipiattaforma in Europa

Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

  1. Giove22 ha detto:

    “può essere un’ottima strada da percorrere per riavvicinare i giovani alla lettura”

    per me sei riuscito nell’intento! ; ) sta cosa è una figata! io me lo leggo! grande kawa e grande di bari! see youuuuu!

  2. Samantha ha detto:

    Da amante della lettura e di Internet non posso che apprezzare questa iniziativa!

    Da leggere di sicuro!

  3. vito di bari ha detto:

    grazie Davide! (ed anche grazie Giove 22 e Samantha)
    Davide, guarda la mia pagina in FB, c’è una sorpresina 😉

  4. kawakumi ha detto:

    Visto adesso, grazie Prof.! 😀

  5. Daniele ha detto:

    in fondo non è altro che il Romanzo Totale, come enunciato e portato avanti da KaiZen

  6. 4Lb3Rt0 ha detto:

    Tutto ciò non è nuovo e soprattuto non è innovativo, ma se veramente vi serve per “avvicinarvi” alla lettura, vi prego lasciate stare questo commento.

    Avete mai sentito parlare di mobisodes? di Jong Zoid (Olanda 2004)? Delle dinamiche che ruotavano attorno a Fat Cow Motel (Australia 2003)?

    Di Bari sicuramente sì, dal 2005 al 2007 sicuramente, e nonostante tutto questo è riuscito, a quanto pare, a fare una roba qualitativamente inferiore e che sfrutta decisamente meno profondamente internet.

    Ma voi lo amate.

    Non c’è dubbio è un genio!

    Certo non si può non ammirare uno che grazie alle sue doti riesce a ribattezzare in “multipiattaforma” il termine “crossmedia” (grazie a “strumenti per le lingue” l’italianizzazione è viva e lotta insieme a noi!).

    Caro Cauacumi, non ti frenare, dai libero sfogo alle tue passioni, vai a lavorare a NextMedia, pardon Lab Next, e chissà che la vita non sia con te così avara da privarti della gioia di finire all’ispettorato del lavoro a raccontare di come funziona un sistema strutturato per sfrutturare il lavoro giovani creativi neolaureti straoridinariamente capaci ma con nessuna esperienza delle dinamiche del mondo del lavoro e che quindi risultano estremamente facili da raggirare.

    E’ un esperienza di cui non è giusto privarsi e poi magari un giorno potrai essere tu quello che applica il 90% di stretch a tutti i video in cui compare il prof, del resto vedo che è una pratica ancora in voga.

  7. kawakumi ha detto:

    Ciao 4Lb3Rt0 e grazie del tuo commento.

    Non so cosa tu abbia di personale nei confronti di Di Bari, e sinceramente non voglio saperlo. Il tuo sembra un commento dettato da qualche frustrazione recondita non ben delineabile…

    Riguardo a me, a NextMedia o Lab next (che non conosco affatto) e al mio paercorso lavorativo, non so proprio cosa risponderti… Non mi conosci, non sai cosa faccio, quindi non capisco da dove venga il tuo astio…

    Ispettorato o no, mi auguro una cosa, di non finire come te a sputare sentenze e rancore sul primo blog che mi capiterà a tiro.

    Ah, dimenticavo… Relax, take it easy…

    🙂

  8. 4Lb3Rt0 ha detto:

    Non c’era astio, cercavo di raccontarti cose che per tua stessa ammissione non sai. (ma dici che non ti interessa)

    Non questionavo sulla tua carriera professionale, ma ti invitavo a prendere visione di cosa accade nei posti gestiti da gente come Di Bari.

    Ho fallito.

    E’ come quando c’è uno che ti dice “sono innamorato di una ragazza bellissima che mi ama tantissimo” tu cerchi di fargli capire che è un cesso che trasuda sifilide, ma ormai lui la guarda con “gli occhi dell’amore” e ti risponde: “no, la tua è solo invidia perchè non hai una donna come lei”. Prima o poi si riempirà di herpes.

    Capita.

  9. kawakumi ha detto:

    Ok 4Lb3Rt0,

    comincio ad immaginare il perchè di questi tuoi commenti… e come dici tu, continua a non interessarmi la questione 😉

    Ho scritto questo post (come gli altri che trovi in questo blog) perchè ritenevo l’argomento/news interessante e NON perchè qualcuno (nello specifico il Prof. Di Bari) me lo ha segnalato.

    Quindi tutti i tuoi discorsi sulla fidanzata, la sifilide etc. non c’entrano davvero nulla.

    Poi puoi ritenere che Social Killer (come le altre cose di cui ho parlato, parlo e parlerò su questo blog) sia una cagata pazzesca… ma questo è un altro paio di maniche.

    Anche Fantozzi e i suoi amici lo pensavano de “La corazzata Potëmkin”, che invece altri considerano un capolavoro.

    Questione di gusto. E sifilide, innamoramento e cacchi vari poco c’entrano col gusto.

    😉

  10. veralee ha detto:

    caro/a 4Lb3Rt0,
    la nostra esperienza non è esportabile fuori da quelle mura, ed è difficilmente comprensibile da terzi. scusaci kawakumi se invadiamo il tuo blog con commenti che forse non ti sono chiari. quello che 4Lb3Rt0 voleva dire è che dietro questo autore e questo progetto ci sono scenari più complessi. e che la crossmedialità è un concetto relativo (specialmente per chi ci lavora tutti i giorni) mentre l’etica no.

  1. 1 Ott 2010

    […] Approfondimento fonte: Social Killer: il primo romanzo multipiattaforma in Europa … […]

  2. 1 Ott 2010

    […] la trama direttamente dal blog di kawakumi che mi ha fatto conoscere […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *