ClioMakeUp: da YouTube al TG1

Potrebbero interessarti anche...

9 Risposte

  1. Hoshimem ha detto:

    Probabilmente no, ma per fortuna che c’è YouTube 🙂

    Io che odio il trucco ho inziato ad appassionarmi alle sue lezioni …Non mi trucco comunque tutti i giorni, ma quando serve non sembro più una impprovvisatrice/panda, e posso dire certamente grazie a Clio 🙂

  2. kawakumi ha detto:

    @Hoshimem: “Per fortuna che c’è YouTube” è esattamente quello che penso anche io… ed è proprio lì che volevo andare a parare… 😉

  3. Hoshimem ha detto:

    Secondo me è una cosa che dovrebbero tenere ben a mente non solo i meno noti, ma anche le major discografiche. Pubblicare musica online loro stessi permette di conoscere musicisti e generi nuovi e, di conseguenza, ampliare la fetta di mercato raggiunta anziché aver paura di ridurre gli introiti. Un esempio eclatante è la Armada Music. Pochi giorni fa ne parlavo prorpio sul mio blog…pubblicano trailer dei nuovi cd, sample di canzoni in uscita, parti di DVD di live e concerti…invitano a farsi conoscere e a comprare, in breve. 🙂

  4. kawakumi ha detto:

    Interessante. Non li conoscevo (vado a leggere subito). Grazie per la segnalazione! 😉

  5. Danilo ha detto:

    Non m’interessano i trucchi ma ho avuto modo di guardare qualche video di Clio. E’ molto simpatica.

    Lei è stata geniale, ha trovato la strada giusto. Senza YouTube avrebbe tenuto segreta la sua passione. Adesso invece la condivide sul Web e nella realtà.

    Poi se vogliamo dirla tutta, a premiarla è stata la grande spontaneità che dimostra avere davanti alla webcam. Come dicevo prima, è molto divertente 😉

    Ciao

  6. kawakumi ha detto:

    Sono d’accordo con te Danilo… è simpatica, geniale, spontanea, grande!

    Senza YouTube avrebbe sicuramente avuto successo nella vita, ma non un successo senza confini come quello che sta avendo adesso…

    Fa la makeup artist a New York e ne parla il TG in Italia… Senza YouTube questo (IMHO) non lo avrebbe ottenuto.

    Ma non è che voglia toglierle merito… voglio solo sottolineare che le potenzialità del web (se ben sfruttate) sono elevatissime!

    😀

  7. Claudio Midolo ha detto:

    Ciao kawakumi, sono Claudio il ‘marito di Clio’ 🙂 hai colto in pieno la situazione, Clio e’ spontanea, diretta e dotata della naturale capacita’ di instaurare un rapporto empatico con le persone con cui viene a contatto. Queste qualita’ trovano in Internet una piattaforma ideale, dato che per sua stessa natura la rete e’ diretta, democratica ed ‘emergente’. Parlando qualche volta con Clio si discute della televisione, di quanto diversa serebbe stato il suo percorso senza Internet, di come la tv sia espressione di potere, autorita’, distanza… l’opposto della rete, vera struttura di conoscenza.

  8. kawakumi ha detto:

    Ciao Claudio, che piacere leggere un tuo commento qui! 😀

    E grazie di quello che hai scritto… Non avrei saputo esprimere in maniera migliore quello che penso. 😉

    Salutami Clio e in bocca al lupo per tutto!

  1. 4 Marzo 2010

    […] ho già parlato qualche tempo fa di ClioMakeUp e della sua ascesa da YouTube al TG1, oggi invece vi racconto di Matt, il Make Up Artist più ricercato del […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *