Friendfeed in Italia: ancora troppo di nicchia, ma…

Potrebbero interessarti anche...

9 Risposte

  1. Smeerch ha detto:

    Post interessantissimo ed utile. Mille grazie.

  2. ezekiel ha detto:

    bravo davide!
    riguardo a come viene usato FF (in particolare likeing e commenting) ho notato che creando delle liste adeguate di friends, max qualche decina di utenti, si può arrivare a intercettare circa l’80% degli aggiornamenti nell’unità di tempo…
    lo interpreto in direzione ancora più netta: FF da noi attualmente è uno strumento di super-nicchia, usato da un numero molto molto piccolo di persone estremamente interconnesse tra di loro che lo usano ad altissima frequenza, quasi come fosse una chat comune, uscendo raramente fuori dal loro gruppo (nonostante opzioni come friends-of-friends che non mi meraviglierei se la maggior parte di loro avesse disattivato), e avendo accesso probabilmente anche a una fruizione mobile.

    a livello soggettivo sono molti mesi che lo uso, volutamente solo tra italiani, e vedo ormai comparire gente nuova (anche tramite friends-of-friends) solo molto raramente…

  3. Kawakumi ha detto:

    Esatto Luca… è proprio lì che il mio ragionamento voleva arrivare: esiste in Italia una nicchia super-tecnologica, la cosiddetta “cerchia ristretto-blogosferica” che arriva, molto prima di tutti gli altri, su questi nuovi strumenti… Solitamente questo porta due tipologie di conseguenze: o lo strumento viene “bruciato” dalla nicchia andando a finire nel dimenticatoio (vedi Plurk o identica), oppure viene “promosso” dalla nicchia e si diffonde al mainstream… Con FriendFeed non sta accadendo nè l’una nè l’altra cosa… FF non è stato “bruciato”, anzi! Gli opinion leader della blogosfera l’hanno promosso quasi all’unanimità e lo utilizzano massicciamente… Ma FF non si sta neanche diffondendo al mainstream… Forse proprio perchè è troppo “tecnico” come strumento? O forse in una seconda fase la diffusione avverrà (anche se non con i numeri di Facebook)?

  4. ezekiel ha detto:

    secondo me da noi c’è un bug. la diffusione sui mainstream risulta essere indipendente dalla promozione della nicchia (che io intendo però più a “coda lunga”)… l’ultimo esempio è la FB-mania che sembra essere partita improvvisamente da tv e giornali italiani (con una classica percentuale di feroci critiche) senza un corrispettivo hype o gradimento della nicchia stessa (anzi c’è sempre stato abbastanza distacco).
    di contro FF non pone barriere tecniche particolarmente elevate rispetto a FB (anzi si potrebbe parlare quasi di semplificazione interattiva).
    un corollario a tutto questo è che la nicchia non riesce ad assumere il vero ruolo di early adopters… con molte “nefaste” conseguenze

    il motivo di fondo secondo me sta nella particolarità dei mainstream media italiani, molto orientati al controllo, molto concentrati e poco propensi a condividere pubblico con altri media.

  5. Michele Polico ha detto:

    Interessante sia l articolo che il commento di ezekiel sull utilizzo di FF da parte delle persone.. io sto cercando qualche case history di utilizzi marketing di FF, per farmi un’idea.. c’è il caso pepsi cola, in italia è usato da sithome ho visto, ma non ho trovato molti casi ancora.. voi ne conoscete qualcuno?? cosa pensate di marketing e FF??

  6. silvia ha detto:

    Ciao a tutti, mi chiedevo se è possibile avere degli aggiornamenti rispetto alla penetrazione di Friendfeed in Italia, dall’ultimo post.
    Sono nati nuovi servizi simili nel frattempo?
    Mi interesserebbe particolarmente.
    Grazie!

  1. 13 marzo 2009

    […] Dopo il restyling grafico di fine 2008 (che ha reso Facebook simile graficamente a Friendfeed) e il recente inserimento del sistema di liking (quell’”esprimi il tuo apprezzamento” tramutato poi in “mi piace”), la nuova struttura della home segna un ulteriore avvicinamento del social network più popolare al mondo al cugino di nicchia Friendfeed. […]

  2. 11 agosto 2009

    […] Mentre Facebook è il Social Network generalista per eccellenza, FriendFeed è un Social Network di nicchia, utilizzato maggiormente dagli addeti i lavori e dai blogger, come si evince anche dalla puntualissima analisi dell’utilizzo di FriendFeed effettuata da Kawakumi. […]

  3. 2 agosto 2010

    […] spunto è un commento postato ieri da Silvia ad un mio post di fine 2008 in cui scrivevo dei numeri di FriendFeed in […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *