FoolDNS: l’ammazza banner

Potrebbero interessarti anche...

11 Risposte

  1. Matteo G.P. Flora ha detto:

    Grazie per avere parlato di Fool 🙂
    Due note veloci:

    > Ecco, è proprio di questo che NON sono tanto convinto io.

    Il gioco è un po’ più complesso di così. e NON è detto che si debba ricorrere ai banner. E’ la misura ultima per generare redditività nel sistema.

    > In primo luogo perchè, se si diffondesse l’uso di FoolDNS o simili, sarebbe la fine dei servizi free e di tanti progetti web che si sostengono grazie agli introiti di Google AdSense e circuiti simili.

    Qui secondo me (ma sono di parte) hai platealmente torto 🙂
    FoolDns non nasce come Anti Advertising, ma come tool di pulizia ed anonimizzazione contro servizi che NON SI SA cme tratteranno i tuoi dati e/o che risaputamente li manipolano e trattano per marketing da profilazione. Senza il tuo consenso, ma solo quello del webmaster. E, se permetti, i MIEI dati sono MIEI e gradirei avere IO il controllo del loro utilizzo.

    Detto questo il singolo webmaster ha tutte le possibilità del mondo di servire PERSONALMETNE il PROPRIO advertising. Diamo anche, nelle pagine specifiche, indicazioni di come farlo. In questo modo non darebbe all’esterno date dei suoi utenti.

    Spero sia un filo più chiaro! 😉

    M.

  2. Kawakumi ha detto:

    Ciao Matteo,

    innanzitutto piacere di ospitarti sul mio blog! 🙂

    Per quanto riguarda le tue note, parto dal secondo punto…
    Credo che, avendone la forza commerciale, tutti sceglierebbero di servire PERSONALMENTE il PROPRIO advertising. 😉
    Non tutti i webmaster e/o blogger, però, hanno la forza commerciale per vendere spazi pubblicitari sul proprio sito, e per questo si rivolgono a servizi come Google AdSense.
    Inoltre da utente dici giustamente che i tuoi dati sono tuoi e gradiresti averne tu il controllo… quindi perchè dovresti lasciar decidere a FoolDNS quali circuiti/advertising sono buoni e quali no?

    Riguardo alla convinzione che FoolDNS sia o meno “l’unica scelta per salvare l’Advertising Online”… beh… proprio perchè è una convinzione se ne può essere convinti oppure no… tu ne sei convinto… io no.

  3. mfp ha detto:

    “Inoltre da utente dici giustamente che i tuoi dati sono tuoi e gradiresti averne tu il controllo… quindi perchè dovresti lasciar decidere a FoolDNS quali circuiti/advertising sono buoni e quali no?”

    Oggi e’ il webmaster a decidere dove inviare i dati dei propri lettori… con Fooldns e’ il lettore…
    In altre parole: oggi il webmaster decide il circuito e il circuito (che poi, guardando al market share… il circuito e’ uno solo: Google) decide cosa pubblicizzare. Con Fooldns il lettore (ie: il titolare dei propri dati di fruizione) decide il circuito e indirettamente (ie: il codice etico) anche cosa pubblicizzare; o comunque se non cosa pubblicizzare, per lo meno puo’ porre dei limiti (es: la pubblicita’ ingannevole… io spero che a FoolDNS non mettano banner di operatori telefonici che dicono di vendere gratis una cosa che costa zero produrre e fanno pagare tot al secondo). La cosa formidabile e’ che ognuno decide per se… vuoi Google? Vuoi che i tuoi dati grazie ad un webmaster finiscano chissa’ dove, vengano interpolati, estrapolati, intersecati, scambiati, ammassati, studiati, analizzati fino al punto di dirti cosa comprerai tra un mese? Fai… se non ti piace, usi FoolDNS.

    Oggi il webmaster e’ l’entita’ che – nel 99% in buona fede, ci mancherebbe… non e’ lui a fare profilazione – permette ai dati di uscire fuori dal controllo del proprietario. Con FoolDNS non ha piu’ questa possbilita’… ma ha la possibilita’ di mettersi la pubblicita’ per conto proprio. Quello che viene reciso e’ il collegamento che porta i dati di terzi (di cui il webmaster non ha consenso esplicito di trattamento, e il piu’ delle volte dati di perfetti ignari) ad ammassarsi… non la possibilita’ del webmaster di pagarsi con la pubblicità.

  4. Kawakumi ha detto:

    “Oggi e’ il webmaster a decidere dove inviare i dati dei propri lettori… con Fooldns e’ il lettore…”

    E invece no, non sarebbe il lettore, ma chi decide i “membri” della lista nera di FoolDNS. Se Fool DNS permettesse al lettore di scegliere quali adserver bloccare e quali non il discorso sarebbe (forse) diverso… Ma comunque (webmaster o gestore di FoolDNS) i dati vengono “filtrati” da qualcuno che non è il lettore…

    Ribadisco… sono per un miglioramento dell’advertising online, non per il suo abbattimento…

  5. mfp ha detto:

    “E invece no, non sarebbe il lettore, ma chi decide i “membri” della lista nera di FoolDNS.”

    La lista nera di Fooldns non e’ determinante… la scelta e’ gia’ fatta… dall’utente:
    – do’ i miei dati a Fooldns.
    – do’ i miei dati a Google.

    (e non c’e’ la terza opzione: non do’ i dati)

    SOLO POI si inizia a ragionare sul trattamento dei dati… e lì:
    – principio generale: la distribuzione dei dati tra piu’ entita’ e’ un bene;
    – dato di fatto: fino a che fooldns non colleziona piu’ dati di Google, e’ meno pericoloso;
    – promesse di fooldns (da verificare): essere piu’ trasparente di Google e affini…
    – c’e’ (sempre da verificare; e’ un servizio in beta) interattivita’ con gli utenti… per lo meno mi sembra di aver letto che da una parte gli utenti possono segnalare servizi che vorrebbero veder bloccati e dall’altra le concessionarie possono essere sbloccate sottoscrivendo un codice etico…
    – i criteri con cui viene riempita quella lista nera sono esplicitati… basta andare a leggerli…

  6. Kawakumi ha detto:

    Mah… Non credo che la strada sia o Google o FoolDNS… esistono tanti altri metodi per filtrare le info che si vuole mandare in giro… Non sono un tecnico, ma ho letto da qualche parte di plugin per i vari browser o anche della possibilità di farsi da soli la propria bella listina nera attraverso un bel /etc/hosts come questo http://pgl.yoyo.org/adservers/serverlist.php?showintro=0&hostformat=hosts
    Ripeto… la questione principale è che l’adv online serve anche e soprattutto a sostenere progetti che altrimenti morirebbero… Miglioramento e non abbattimento…
    Ma naturalmente è la mia opinione… Liberissimo di pensarla diversamente da me 😉

  7. RoridaBegonia ha detto:

    Ciao,
    navigano e googlando ho trovato questo fooldns selfhandmade, mi pare interessante:
    http://stefano.dscnet.org/a/il_mio_fooldns_personale

  8. Gigi ha detto:

    Scusate,

    ma che differenza c’è tra fooldns e un file HOSTS con i domini ridirezionati su 127.0.0.1 e magari gestito con un programmino tipo hostsman?

    Gigi.

  9. The Fool ha detto:

    Ciao e grazie per aver parlato di FoolDns, nel bene e/o nel male 🙂

    Dopo qualche mese di attività ed oltre un milione e mezzo di richieste al giorno abbiamo deciso di aggiornare la pagina dei buoni e cattivi commenti (Friends & Foes) e stiamo passando a rivedere cosa il web dice di noi. Ecco perchè siamo qui ad importunarti sul box dei commenti 🙂
    Nei prossimi giorni ritroverai un link a questo post sulla pagina: http://fooldns.com/friends_and_foes.html

    Qualche brevissimo commento in più sulle cose che _si sono modificate_ in itinere dalla presentazione all’AdvCamp e che crediamo siano importanti da sottolineare per un’analisi approfondita: innanzitutto ci preme di sottolineare che contrariamente al Business Plan iniziale _non erogheremo più banner_ di alcun tipo: il plan è stato modificato e la versione Community è ora libera e non soggetta ad alcun tipo di banner. Ciò significa che NON serviremo banner di FoolDns e/o di altre aziende “etiche” ma che semplicemente oscureremo i sistemi di tracciamento. Punto.

    Questa modifica nei nostri piani imprenditoriali ha portato alla creazione di un servizio “FoolDns Business” che fornisce alle aziende oltre al sistema anti profilazione anche e soprattutto sistemi di creazione policy di navigazione, customizzazione delle liste e reporting in linea con la normativa sulla Privacy e le Raccomandazioni del Garante: i proventi di tale servizio alimenteranno ulteriormente il servizio Community. Se desideri maggiori informazioni puoi dare un’occhiata alle pagine dedicate: http://fooldns.com/b .

    Community è divenuta, intanto, una Public Beta: ciò significa che chiunque può ora, senza necessità di un invito, partecipare alla beta e testare il servizio con i dati di connessione disponibili all’indirizzo http://fooldns.com/beta.html .

    Tra i servizi aggiuntivi implementati per la versione Community capeggiano le liste anti Conficker & Co, un sistema automatico di Opt-Out dai principali circuiti di pubblicità, un sistema di Cookie Cleaning, un Advertising Proxy che consente di aggirare i Click-Trackers senza perdere la possibilità di vedere il link proposto ed una serie di altri tool indipendenti che saranno rilasciati com OSS nei prossimi mesi.

    Speriamo che queste informazioni ti siano utili per aggiornare la tua posizione su FoolDns e/o per rivedere il tuo punto di vista.
    Ci farebbe piacere se lasciassi questo commento a margine del tuo post, ma nel caso in cui tu preferissi cassarlo ti saremmo grati se per lo meno volessi controllare che le opinioni che hai espresso (positive o negative) si adattino ancora alla mutata configurazione.

    Per il resto ci auguriamo di vederti presto nella pagina del Friends & Foes sulla lista dei Friends e se passi per Milano saremo lieti di ospitarti per un caffè e quattro chiacchiere sul nostro servizio.

    Grazie mille!

    Quelli di The Fool s.r.l.

  1. 11 Settembre 2008

    […] Rete già emergono degli spunti di dibattito: tra il progetto FoolDNS e il nostro vengono visti i punti di contatto e le affinità nella volontà di ridare un equilibrio comunicativo alla […]

  2. 11 Novembre 2008

    […] Ho già parlato di Metafora AD Network qualche tempo fa, in relazione a FoolDNS. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *